In replica all’imputato Paolo Pollichieni ed al suo alfiere Agostino Pantano

10 04 2012

 

Avendo dovuto trascorrere in assoluta solitudine queste festività pasquali, ho potuto meditare e ragionare a lungo circa gli ultimi fatti, e ho deciso che è bene e necessario rompere il silenzio che mi ero imposto in ossequioso rispetto delle autorità e delle indagini in corso, e puntualizzare alcune cose molto importanti. Per spiegare, ma anche per mettere a tacere le malelingue e gli sciacalli.
L’occasione mi è data da una signora che mi ha scritto – magari in buona fede – dopo aver letto lo “speciale” pubblicato nell’ultimo numero del “Corriere della Calabria”, discutibile settimanale calabrese diretto dal famoso giornalista/dossierista/lobbysta .
Un settimanale diretto da un signore (da me già querelato anche per altri fatti passati e per quelle diffamazioni e per tali reati in atto imputato presso il Tribunale di Cosenza, repetita iuvant) che in barba ai codici deontologici ed anche alle leggi penali e civili, ha avviato di recente una scellerata campagna di odio e delegittimazionecontro di me. Ed i motivi, come ho già scritto, sono ben individuabili nel tempo e nello spazio.

Capisco l’entità del regalo che faccio al Pollichieni in questo modo, dando a lui anche troppo spazio su questo umile , che lui segue con affetto e che conta di certo molti piú lettori del suo giornale. Ma purtroppo la spregiudicatezza di questo individuo non mi lascia altra scelta.

Ma per ricostruire bene tutto quanto accaduto finora é bene andare per ordine.

  Leggi il seguito di questo post »

Annunci




MINACCE A PIGNATONE: SEMBRA CLIMA GUERRA DI MAFIA ANNI ’90. INTERVENGANO MARONI ED ALFANO

5 10 2010

Comunicato Stampa

REGGIO CALABRIA – “Lo scenario che emerge con prepotenza negli ultimi tempi in Calabria è inquietante: sembra di essere tornati indietro di oltre vent’anni, quando nella seconda guerra di mafia di Reggio Calabria la ‘ndrangheta utilizzava bazooka ed armi di precisione in pieno centro cittadino”.
E’ il commento, in una nota, del Presidente del movimento antimafia ‘Ammazzateci Tutti’, Aldo Pecora.
“Al tempo, però – scrive Pecora – le cosche della città erano riunite in due eserciti in guerra tra loro. Oggi i boss a Reggio lottano uniti contro lo Stato, e non hanno timore Leggi il seguito di questo post »





‘ndrangheta, morti ammazzati e la signora contro gli eventi antimafia

14 08 2010

di Lia Staropoli e Rosaria Altilia *

Ogni anno nell’anniversario della morte del Giudice Antonino Scopelliti, assassinato da cosa nostra e ‘ndrangheta a Campo Calabro il 9 Agosto del 1991, il movimento antimafia “Ammazzateci Tutti” insieme alla Fondazione “Antonino Scopelliti” ricordano la vita e la morte di un magistrato ucciso solo perché incorruttibile e giusto, ma soprattutto per troppo tempo dimenticato dai calabresi e dagli italiani. Lunga la lista degli ospiti nazionali ed internazionali che si sono susseguiti nel corso degli anni e che dal palco di “Legalitalia d’ Estate” in Piazza Duomo hanno catturato l’attenzione di cittadini e mass media. Magistrati, appartenenti alle forze dell’ordine,

Leggi il seguito di questo post »





Presentazione II edizione del Premio Antonino Scopelliti

8 08 2010

NDRANGHETA ... UN TUMORE DA ESTIRPARE!!!

Il 7 Agosto alle 10:30 a Palazzo San Giorgio, Sala dei Lampadari si è tenuta la presentazione della  II EDIZIONE PREMIO ANTONINO SCOPELLITI Per la Legalità, la Giustizia e l’Impegno civile, in occasione del XIX anniversario dall’uccisione del Giudice Antonino Scopelliti vittima della mafia e del dovere, organizzato dalla FONDAZIONE ANTONINO SCOPELLITI e dal – MOVIMENTO ANTIMAFIA AMMAZZATECI TUTTI.

L’incontro con i giornalisti inizia con i saluti di Livio Corica, Coordinatore del movimento antimafia “Ammazzateci Tutti” nella piana di Gioia Tauro. Interviene Lia Staropoli, componente del consiglio direttivo nazionale del movimento antimafia, che spiega come “Legalitalia” nel corso degli anni assume carattere nazionale e gli eventi si svolgono coinvolgendo studenti e istituzioni in tutte le regioni di Italia, e rende noto che durante questa edizione di Legalitalia d’estate, sarà RENATO CORTESE – Capo della Squadra Mobile di Reggio Calabria a Ricevere  il premio “Antonino Scopelliti”, Leggi il seguito di questo post »





I ragazzi del movimento antimafia “Ammazzateci Tutti” a TeleJato

3 08 2010

Pino Maniaci direttore dello studio televisivo antimafia TeleJato, non ha mai permesso a cosa nostra di interferire con la corretta informazione all’interno del suo telegiornale. Pestaggi, attentati, proiettili, automobili incendiate non hanno mai fermato Pino Maniaci e la sua famiglia. La figlia di Pino, Letizia Maniaci fin da giovanissima lavora a fianco del proprio padre , occupandosi con professionalità e competenza della regia, delle riprese e del montaggio dei servizi. Letizia insignita del premio Maria Grazia Cutuli come giovane giornalista emergente, è anche l’autrice del libro “Mai chiudere gli occhi” Edito da Rizzoli nel marzo 2009. Pagine che raccontano un impegno autentico Leggi il seguito di questo post »





1.000 volte in Rete per la Calabria

26 04 2010

Questo è il millesimo articolo nel blog della Rete per la Calabria

Comunicato Stampa divulgato dalla Redazione

Va oggi online il millesimo articolo (ma tecnicamente bisogna chiamarlo “post”) nel blog della Rete per La Calabria (www.perlacalabria.it). E’ un bel risultato, ed in una regione dove a livello di informazione molto nasce e troppo muore in culla, questo traguardo merita di essere giustamente posto in rilievo. Con sobrietà, com’è nello stile di quest’organo di informazione web e del suo fondatore e direttore editoriale, Giovanni Pecora, ma con una legittima punta di orgoglio. Leggi il seguito di questo post »