Maxi sequestro di beni al clan Pesce di Rosarno

21 04 2011

di Claudio Cordova (su Strill.it)

Ancora una volta lo Stato ha mostrato i denti, adesso Rosarno è libera, ma ora tocca ai cittadini onesti riappropriarsi dei propri spazi rubati dall’arroganza mafiosa”. Il messaggio del Colonnello Alberto Reda, Comandante Provinciale della Guardia di Finanza è chiarissimo: “Adesso tocca alla gente”.

Non bastano, insomma, solo sigilli e manette a combatte lo strapotere della criminalità organizzata, serve la reazione della gente. Lo Stato, però, ancora una volta, è andato a colpire, con un maxisequestro di beni, una delle cosche più potenti della ‘ndrangheta reggina: beni per centonovanta milioni di euro sono stati, infatti, tolti dalla disponibilità del clan Pesce di Rosarno. L’operazione, denominata “All clean”, coordinata dalla Dda di Reggio Calabria, è stata eseguita, congiuntamente, da Guardia di Finanza e Carabinieri. L’obiettivo degli investigatori è quello di stringere il cerchio attorno al latitante Francesco Pesce, 31enne, detto “Ciccio Testuni”, considerato il reggente della famiglia.

L’attività si inquadra nell’ambito delle due maxioperazioni “All inside” che, tra aprile e novembre 2010, hanno portato in carcere (e oggi a giudizio) decine di presunti affiliati al clan. Il numero dei beni sequestrati è impressionante: si tratta, infatti, di ben 40 imprese, con tutto il loro patrimonio aziendale, operanti, principalmente, nel settore dei trasporti in quello agrumicolo e nel commercio. A queste vanno aggiunte 44 abitazioni, 4 ville, 12 autorimesse, oltre a 60 terreni, 56 autoveicoli e 108 autocarri.

Proprio nel settore dell’autotrasporto, a dimostrazione di quanto forte sia stata la capacità dei Pesce di imporre, con metodi tipicamente mafiosi, la presenza delle proprie aziende, si ricorderà come in alcune intercettazioni effettuate in carcere all’inizio del 2007 il boss Antonino ricordava al figlio Francesco come fosse riuscito ad impadronirsi della catena di distribuzione alimentare della SISA nel territorio calabrese: “(Antonino): Peppe Piromalli era in galera, mio zio era… era là. Tutto io, non c’era nessuno di ‘sta gente qua. Io avevo 20 anni…. Ascolta, io, l’ho creata io, 30 anni fa; la Sisa là sopra l’ho creata io mettemmo una fila di camion lunga da qui a là sotto .…domani vedi che sono questi i camion che lavorano. Quelli di Gioia…”

Nello specifico, i finanzieri reggini, avvalendosi anche del software di analisi “Molecola” strutturato dallo S.C.I.C.O., hanno eseguito complessivamente 145 accertamenti economico-patrimoniali, di cui 70 a carico di persone fisiche e 75 nei confronti di persone giuridiche, partendo dalle investigazioni sui nuclei familiari riconducibili a:

– Pesce Antonino ’53 inteso “Testuni” – detenuto;
– de cuius Pesce Giuseppe cl. 54 inteso “Pecora” – già capocosca;
– Pesce Francesco cl. 78 inteso “Ciccio Testuni” – attuale reggente in stato di latitanza;
– Pesce Vincenzo cl. 59 inteso “U pacciu e/o U ’mbriacuni” – promotore ed organizzatore della cosca, detenuto;
– Pesce Marcello cl. 64 inteso “U Ballerinu – promotore ed organizzatore della cosca in stato di latitanza;
– Leotta Domenico cl. 60 inteso “U Longu” – elemento di spicco in stato di latitanza, con ruoli operativi sotto la direzione dei boss Pesce Francesco cl. 78 e Pesce Marcello cl. 64;
– Pesce Vincenzo cl. 59 inteso “U pacciu e/o U ’mbriacuni” – gerarca detenuto;
– Matalone Roberto cl. 77, genero del capocosca Pesce Antonino cl. ’53 – elemento di spicco in stato di latitanza, con ruoli operativi sotto la direzione dei boss Pesce Francesco cl. 78 e Pesce Marcello cl. 64;
– Messina Maria Grazia cl. 42, suocera di Pesce Antonino cl. 53 e nonna dell’attuale reggente Pesce Francesco cl. 78 – cassiera della cosca – detenuta;
– Varrà Domenico cl. 54 inteso “Mister” – faccendiere della cosca, delegato a curare gli interessi primari della cosca afferenti il mondo del calcio e con ruoli operativi di mediatore tra i vari sottogruppi della cosca, nonché di referente per conto della cosca verso taluni legali – detenuto;
– i fratelli Rao Rocco cl. 61 e Rao Franco cl. 64 inteso “U Puffo/U Nano” – nipoti del defunto boss “Peppe” Pesce cl. 23, nonché cugini del noto boss Pesce Antonino cl. 53, inteso “Testuni” – con ruolo di finanziatori dell’organizzazione Pesce, attraverso la riscossione del provento di attività estorsive e la gestione di depositi di C/C – entrambi detenuti.

Le indagini, coordinate, oltre che dal Procuratore Capo Giuseppe Pignatone, anche dall’Aggiunto Michele Prestipino e dal Sostituto Alessandra Cerreti, si sono avvalse anche delle dichiarazioni rese da Giuseppina Pesce, collaboratrice di giustizia che, prima di pentirsi di essersi pentita, avrebbe ricostruito la fitta rete di possedimenti della cosca, aiutando anche a rintracciare la filiera degli intestatari fittizia.

Da ultimo, l’aspetto più singolare, riguarda il sequestro di due società di calcio, l’Interpiana (ex Rosarnese) di cui era presidente proprio Mimmo Varrà, e la Sapri Calcio, del presunto prestanome Vincenzo Condomitti: “Un sistema – dice il Procuratore Pignatone – che, oltre a consentire arricchimento alla cosca, ha assicurato ai Pesce il necessario controllo del territorio, attraverso il consenso sociale, su cui si poggia lo strapotere delle mafie”.

Di seguito l’elenco dei beni sequestrati:

 n. 20 Ditte individuali, intestate ai proposti e terzi interessati PESCE Vincenzo, ARENA Francesca, PESCE Francesco, PESCE Marcello, TOCCO Giuseppina, PESCE Antonino, CAPRIA Carmelina, LEOTTA Domenico, LEOTTA Lucia, PETULLÀ Marisa, VARRÀ Fortunato, RAO Rocco, GIOFFRÈ Maria Anna, RAO Giuseppe, MESSINA Maria Grazia, CAPRIA Francesca, PESCE Giuseppe, PACE David, RESTUCCIA Miranda;
 “Area di servizio TAMOIL di RAO Franco”, con sede a Rosarno (RC), via Nazionale S.S. 18, 258;
 “AGIP Rosarno P.V. 054990 di TUTINO Maria Concetta”, con sede a Rosarno (RC), via Strada Statale 18 km 467,637;
 “ALL SPORT di PESCE Francesco”, con sede a Rosarno (RC), via Nazionale Sud nr. 55;
 “Pizzeria del Corso di STANGANELLI Maria”, con sede a Rosarno (RC), via Conte di Torino nr. 3;
 “AUTOSUD di FILARDO Nicola”, con sede a Rosarno (RC), via Nazionale Sud nr. 240;
 “LA ROSARNESE di RACHELE Francesco”, con sede a Rosarno (RC), via Nazionale nr. 131;
 “AUTOMOBILI RASO di RASO Giuseppe”, con sede a Rosarno (RC), in Contrada Bosco Strada Provinciale sn;
 “M.D.S. TRASPORTI S.r.l.”, con sede a Rosarno (RC), via I Maggio sn;
 “RACHELE TRASPORTI S.r.l.”, con sede a Rosarno (RC), via Iudicello sn;
 “AUTOTRASPORTI R.G.S. S.r.l.”, con sede a Rosarno (RC) – Rione Ceramidio nr. 63;
 “SUDPLASTIK S.r.l.”, con sede a San Ferdinando (RC), II Zona Industriale;
 “C.M.C. s.a.s di GRILLEA Rosaria & C.”, con sede a Rosarno (RC), via Nazionale Sud nr. 36;
 “R.G.S. s.a.s. di MATALONE Roberto & C.”, con sede a Rosarno (RC), rione Ceramidio nr. 63;
 “CARONTE Caterina & C. s.a.s. – negozio EXTYN”, con sede a Rosarno (RC), via Nazionale Sud nr. 392;
 “EDILSUD s.n.c. di RAO Giuseppe & C.”, con sede a Rosarno (RC), via Provinciale per Polistena sn;
 “MERIDIONAL TRASPORTI dei FRATELLI FRANCO E LUCCISANO SALVATORE s.n.c.”, con sede a Rizziconi (RC), C.da Conche nr. 58;
 “SAN GIUSEPPE – SOCIETÀ COOPERATIVA a.r.l.”, con sede a Rosarno (RC) Via Nazionale;
 “A.S. ROSARNO”, con sede a Rosarno in via Magna Grecia;
 “A.S. Dilettantistica Cittanova Interpiana Calcio”, con sede a Cittanova (RC), via T. Campanella nr. 55;
 “SAPRI CALCIO S.r.l.”, con sede a Sapri (SA), via Principe Amedeo snc;
 Complesso sportivo composto da 3 campi da calcio e relative strutture sportive;
 n. 50 immobili (unità abitative, ville di pregio, magazzini ed autorimesse);
 n. 54 terreni (tra agrumeti, uliveti e frutteti);
 n. 61 auto/motoveicoli;
 n. 102 veicoli commerciali.

Advertisements

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: