Operazione anti ‘ndrangheta “Il Crimine”: 300 arresti in Calabria e Lombardia

14 07 2010

I Carabinieri e la Polizia di Stato hanno eseguito numerosi arresti di esponenti della ‘ndrangheta, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip di Milano su richiesta della Direzione distrettuale antimafia milanese, e di un provvedimento di fermo emesso dalla DDA di Reggio Calabria. Contestualmente sono stati eseguiti due provvedimenti di sequestro di beni emessi dalle autorità giudiziarie di Milano e Reggio Calabria per un valore complessivo di oltre 60 milioni di euro. Le due Procure Distrettuali hanno coordinato la più imponente ed articolata operazione contro la ‘ndrangheta degli ultimi anni, che ha visto l’impegno degli investigatori dell’Arma e della Polizia di Stato per oltre due anni, interessando le province di Reggio Calabria, Milano, Monza Brianza, Como, Varese, Lecco, Genova e Torino, raggiungendo soprattutto gli esponenti di vertice delle principali cosche della ‘ndrangheta.
I numerosi procedimenti penali collegati, originati da distinte indagini condotte dai Comandi provinciali di Milano (indagine Infinito) e Reggio Calabria (indagine Patriarca), nonché dal Ros (indagini Tenacia, Hera, Solare e Reale), dalla Squadra Mobile di Reggio Calabria diretta dal primo dirigente Renato Cortese, dalla sezione Criminalità organizzata della Squadra Mobile reggina diretta dal vice questore aggiunto Diego Trotta, dal Commissariato di Siderno diretto dal vice questore aggiunto Luigi Silipo e dal Servizio Centrale Operativo (indagine ‘Ndrangheta), hanno consentito di raccogliere elementi utili a tratteggiare un quadro complessivo ed unitario degli assetti organizzativi della ‘ndrangheta. Le indagini hanno documentato, come in territorio lombardo sia avvenuta una “mutazione genetica” della ‘ndrangheta, che ha portato al passaggio dalle tradizionali manifestazioni dell’agire ‘ndranghetistico (omicidi, sequestri di persona, grandi traffici di droga) a forme di controllo di settori economici (il movimento terra, la concessione di finanziamenti a soggetti in difficoltà) e di infiltrazioni nelle istituzioni pubbliche, a livello locale.
Il passaggio a questa nuova forma di “mafia imprenditrice” è avvenuto a cavallo degli anni 2000; l’ultima manifestazione della ‘ndrangheta “tradizionale” in Lombardia è rappresentato dal sequestro in danno di Alessandra Sgarella. A questo proposito è da osservare che in pieno sequestro, il 30 maggio 1998, si davano convegno agli “orti” di Novate Milanese, ancora luogo di ritrovo degli affiliati della locale di Bollate, inseriti oggi ne la “Lombardia”. Tra i partecipanti al summit si è registrata la presenza di uno dei sequestratori, che pochi giorni prima aveva formulato alla famiglia Sgarella la richiesta di riscatto.
Lo spaccato che emerge è quello di soggetti (spesso incensurati e insospettabili) “a disposizione” degli altri affiliati, “lombardi” o di provenienza calabrese, in una sorta di “mutuo soccorso”. Ciò spiega l’impegno di tutti per dare assistenza ai latitanti, per raccogliere soldi per le famiglie dei detenuti, per occultare le armi, per mettere a disposizione le proprie conoscenze e competenze nell’interesse dell’organizzazione. Tipico esempio è quello di Carlo Chiriaco che, in virtù del proprio ruolo istituzionale (direttore dell’Asl di Pavia), assicurava l’assistenza sanitaria, ma anche l’interessamento per investimenti immobiliari e coltivava e sfruttava per i “fini comuni” i legami con gli esponenti politici locali. Significativo in proposito un colloquio tra Giuseppe Neri e Giorgio De Masi, esponente della “Provincia”, nel corso del quale il primo propone al secondo il reimpiego di capitali, illeciti, attraverso Chiriaco.
Da alcune intercettazioni ambientali tra Neri e Mandalari è emersa altresì l’appartenenza di alcuni affiliati a logge massoniche coperte. È stata inoltre per la prima volta documentata, proprio mentre era in corso di svolgimento, “la riunione” annuale cui prendono parte i maggiori esponenti della ‘ndrangheta, in occasione della festa della Madonna di Polsi, in Aspromonte, uno dei momenti più rilevanti per tale associazione, che sancisce l’investitura delle cariche apicali, definendo la composizione organica del vertice della ‘ndrangheta, indicato alternativamente con l’espressione “Provincia” o “Crimine”: sono stati così anche identificati i nuovi titolari di tali cariche.
È stato possibile registrare in diretta le complesse operazioni di ratifica delle nuove cariche,in realtà già decise nei giorni precedenti, il 19 agosto, ma formalizzate soltanto a Polsi con effetti dal mezzogiorno del 2 settembre, che hanno ridisegnato gli attuali assetti della ‘ndrangheta. Di lì a poco, il 31 ottobre 2009, questa volta in Lombardia, veniva documentato, con una eccezionale videoripresa e intercettazione audio, un summit nel corso del quale, i capi delle locali lombarde, all’unanimità, eleggevano quale nuovo “Mastro generale” in Lombardia Pasquale Zappia. Durante tale summit, avvenuto presso un centro intitolato ai giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, si è ribadito il fatto dell’assoluta sovranità delle locali nelle loro azioni, sebbene comunque inserite nella sovraordinata struttura de la “Lombardia”. Questo è stato uno degli oltre 40 summit di ‘ndrangheta documentati in Lombardia nelle indagini condotte dalla DDA di Milano.
Le indagini hanno fatto emergere ulteriori elementi di indubbia novità: l’esistenza della ‘ndrangheta come organizzazione di tipo mafioso unitario, insediata sul territorio della provincia di Reggio Calabria e articolata in tre mandamenti;  l’esistenza di un organo di vertice che ne governa gli assetti, assumendo o ratificando le decisioni più importanti;  l’esistenza de “La Lombardia” e di una “Camera di Controllo” deputata al raccordo tra strutture lombarde e calabresi

I COMPITI DELLA “PROVINCIA”, NOVE LOCALI A TORONTO E UNO IN AUSTRALIA
Si tratta di passaggi che costituiscono il punto di emersione di una complessa realtà criminale sulla quale,in modo del tutto corrispondente,è intervenuto il legislatore con il d.l. 4 febbraio 2010 n.4 che ha modificato il testo dell’art. 416 bis codice penale, aggingendo al novero delle organizzazioni di tipo mafioso anche la ‘ndrangheta, in precedenza confinata nel concetto di “altre organizzazioni comunque localmente denominate”.
Sono stati riscontrati dalle indagini condotte dalla DDA di Reggio Calabria incontri in una lavanderia di un centro commerciale di Siderno, gestita dal “boss” Giuseppe Commisso, le cui attività hanno fatto comprendere l’elaborazione delle strategie criminali e delle conseguenti decisioni operative della società di Siderno, una delle componenti più autorevoli e potenti di tutta la ‘ndrangheta. Da ciò ne consegue il controllo delle attività realizzate sull’interno territorio nazionale ed anche oltre i confini nazionali. Sul punto, le indagini hanno permesso di individuare anche infiltrazioni della ‘ndrangheta in Canada e in Australia, in corso di approfondimento. Nove i locali individuati a Toronto ed 1 a Thunder Bay, controllati dalla provincia di Reggio Calabria, sui quali il locale di Siderno esercita una sorta di coordinamento. La Provincia ha il compito di stabilire e mantenere gli equilibri dell’intera organizzazione, autorizzare l’apertura di nuovi locali, dirimere le controversie sorte all’interno dell’organizzazione, stabilire nuove cariche e nomine, intervenire nei casi di situazioni instabili.
Tale organismo sovraordinato, pur garantendo ai singoli sodalizi ampi margini di autonomia, si assicura l’ordine gerarchico attraverso i tradizionali gradi e ruoli dei diversi livelli dell’organizzazione, emersi con chiarezza nel corso delle attività investigative unitamente ai conseguenti riti di affiliazione, come documentato dalle immagini della DDA di Reggio Calabria e di Milano.

L’OMICIDIO NOVELLA
Quanto all’omicidio Novella, capo della Lombardia, avvenuto in San Vittore Olona il 14.7.2008, il movente è da ricercarsi nel disegno “politico” perseguito dalla vittima, che era quello di rendere le locali lombarde più indipendenti delle “locali madre” in Calabria. La decisione di eliminare Carmelo Novella è stata presa a livello “provinciale”. La fine del “disegno autonomista” di Carmelo Novella rinsalda i legami con la terra d’origine e per ciascuna locale si facevano più stretti i rapporti con gli esponenti delle ‘ndrine di riferimento in Calabria. La “Provincia” controllava la “Lombardia” propugnando la creazione di una “Camera di Controllo” che traghettasse la struttura lombarda alla fase successiva. L’uomo di raccordo tra la Calabria e la Lombardia è stato individuato in Giuseppe Neri. Sotto il profilo dell’infiltrazione nel tessuto economico si sono potuti documentare una serie di incontri avvenuti presso l’abitazione di Giuseppe Pelle, figlio del “Gambazza” e reggente dell’omonima cosca, con Michele Oppedisano, emissario di Domenico Oppedisano, nonché con Pasquale Varca e Francesco Ietto, titolari di imprese del nord Italia attive nel settore edile.
Dalle attività tecniche è emerso che le riunioni erano finalizzate a dirimere controversie tra i due imprenditori e Salvatore Strangio, nell’ambito delle ripartizioni di commesse di lavoro da svolgere in Lombardia. In particolare, è emerso come quest’ultimo, espressione dei “Gambazza”, gestisse per conto della ‘ndrangheta l’infiltrazione di imprese calabresi nell’ambito dei lavori pubblici e, in tale veste, operasse all’interno della “Perego Gereral Contractor S.r.l.”, importante azienda milanese del settore. L’approfondimento investigativo, condotto dalla DDA di Milano, in Italia settentrionale è stato inizialmente condotto in direzione di Pasquale Varca, del quale è stata documentata l’affiliazione alla cosca “Arena” di Isola Capo Rizzuto (Crotone), nonché la carica di capo del locale di Erba (Como), inserito nell’organo ‘ndranghetistico denominato Lombardia.
Gli ulteriori sviluppi investigativi hanno poi permesso di documentare il condizionamento del “Gruppo Perego” da parte di Salvatore Strangio e del coindagato Andrea Pavoni, che hanno operato occultamente all’interno della struttura aziendale per garantire la ripartizione degli appalti affidati al “Gruppo Perego” a favore di numerose imprese controllate dai locali della Lombardia, nonché per garantire queste ultime nella liquidazione di pregressi crediti vantati nei confronti della stessa “Perego”.

GLI APPETITI DELLE COSCHE PER EXPO 2015 DI MILANO,IL “CAPO CRIMINE” DELLA PROVINCIA
È stato inoltre ricostruito il tentativo di assorbire nel “gruppo” altre importanti aziende lombarde del settore, che versavano in condizioni di difficoltà economiche, allo scopo di costituire appositi A.T.I. (associazioni temporanee di imprese) in grado di partecipare direttamente all’affidamento degli appalti per la Expo 2015. Tale ambizioso progetto, tuttavia, non si è concretizzato a causa del mancato risanamento economico della stessa “Perego”, attualmente sottoposta a procedura fallimentare. Oltre all’esistenza della “Provincia” della Lombardia, le indagini hanno permesso l’identificazione di soggetti di vertice dei singoli locali lombardi, piemontesi e liguri, documentando al contempo il coordinamento per i settori criminali di maggiore interesse, dall’infiltrazione negli appalti, al traffico internazionale di stupefacenti, con le decisioni assunte dai vertici della ‘ndrangheta reggina, in particolare da Domenico Oppedisano, “capo crimine” della Provincia e responsabile del mandamento tirrenico, e da Giuseppe Pelle, responsabile del mandamento jonico.
Sono state confermate le regole che sovrintendono al funzionamento dell’intera organizzazione, al conferimento di gradi, cariche e alla suddivisione territoriale delle cosche in locali. In tale ambito è stata inoltre documentata la dialettica sviluppatasi per la nomina del capo locale di Roghudi (RC), area di cerniera tra i mandamenti jonico e del capoluogo, che ha visto l’importante opera di mediazione tra i rispettivi rappresentanti.

LE COSCHE DISARTICOLATE DAGLI ARRESTI: LA PROVINCIA DI VIBO ALLE DIPENDENZE DELLE COSCHE REGGINE
Nel complesso gli interventi hanno inflitto un duro colpo alla ‘ndrangheta, privando gli organismi di vertice dei rispettivi esponenti apicali e scompaginando numerose articolazioni territoriali. Vengono infatti colpite dai provvedimenti:
nella provincia di Reggio Calabria: le cosche Alampi, Gattuso, Ficara-Latella del capoluogo, Oppedisano, Pesce-Bellocco, Lamari-Chindamo, Gattellari della tirrenica; Pelle, Aquino-Coluccio, Mazzaferoo, Focà-Bruzzese, Giampaolo, Marvelli, Iamonte, Pangallo-Maesano-Favasuli, Zavettieri-Stelitano e Ietto della jonica;
– nella provincia di Vibo Valentia: esponenti delle cosche locali, poiché emerge un inedito di assoluta novità nel corso delle indagini, e cioè la dipendenza di tale “provincia” da quella di Reggio Calabria;
– nel nord Italia i locali di Milano, Pavia, Bocllate (Mi), Cormano (Mi), Bresso (Mi), Limbiate (Mb), Solaro (Mb), Pioltello (Mi), Corsico (Mb), Desio (Mb), Seregno (Mb), Rho (Mi), Legnano (Mi), Mariano Comense (Co), Erba (Co), Canzo (Co), per un numero complessivo di circa 160 persone, anche se a detta degli stessi indagati sarebbero operativi in Lombardia circa 500 unità.
– sempre nel nord Italia, i locali di Genova e Torino.

In definitiva, le diverse attività investigative, complessivamente denominate “Il Crimine”, opportunamente raccordate dalle DDA di Reggio Calabria e Milano, hanno consentito di ricondurre ad un quadro unitario vicende ed articolazioni solo apparentemente isolate. Dagli esiti delle attività investigative, emerge infatti come la ‘ndrangheta, pur garantendo l’autonomia dei singoli sodalizi nei rispettivi ambiti territoriali, si sia evoluta verso modelli organizzativi più idonei al proseguimento di interessi strategici comuni nell’infiltrazione del tessuto economico, istituzionale, periferico e centrale, e nei tradizionali settori illeciti, quali il traffico di armi, stupefacenti, le estorsioni e l’usura.
Ecco i nomi delle persone finite in manette (l’elenco riguarda l’attività svolta in Calabria da Carabinieri e Polizia di Stato):

 Alampi Giovanni, di Reggio Calabria, di 64 anni
 Albanese Giuseppe, di Siderno di 61 anni
 Alvaro Domenico, di Sinopoli, di 86 anni
 Barranca Vittorio, di Caulonia, di 52 anni, residente a Siderno
 Belcastro Domenico di Siderno, di 48 anni, residente a Genova
 Belcastro Giuseppe, di Grotteria, di  49 anni
 Bonarrigo Francesco, di Oppido Mamertina, di 70 anni
 Boschetto Saverio, di Motta San Giovanni, di 48 anni, residente a Reggio Calabria
 Catalano Giovanni, di Siderno, 56 anni, residente a Orbassano (To)
 Catalano Giuseppe, di Siderno, 68 anni, residente a Voliera (To)
 Cataldo Carmelo, di Siderno, 63 anni, residente a Torino
 Chiera Giuseppe, di Caulonia, 40 anni
 Chilà Domenico, di Motta San Giovanni, 69 anni
 Chilà Stefano, di Reggio Calabria, 32 anni
 Commisso Antonio, di  Siderno, 85 anni
 Commisso Francesco, di Locri, 27 anni, residente a Siderno
 Commisso Giuseppe, di Siderno, 63 anni
 Commisso Roberto, di Siderno, 38 anni
 Commisso Vincenzo, di 74 anni
 Correale Michele, alias “Zorro”, di Siderno, di 51 anni
 Cuppari Antonio, di Spilinga (VV), 71 anni
 D’Agostino Domenico, di Siderno, 52 anni
 D’Agostino Raffaele, di Canolo, 55 anni
 D’Onofrio Francesco, di Miletto, 55 anni, residente a Nichelino (To)
 De Leo Cosimo, di Siderno, 48 anni
 Figliomeni Antonio, di Siderno, 71 anni
 Figliomeni Giuseppe, di Siderno, 51 anni
 Filippone Rosario, di Canolo, 53 anni
 Fiorillo Michele, di Vibo Valentia, 24 anni, residente a San Gregorio di Ippona (VV)
 Flachi Pietro, di Melito Porto Salvo, 54  anni
 Focà Domenico, di Locri, 75 anni, residente a Grotteria
 Foti Saverio, di Melito Porto salvo, 50 anni
 Fragomeni Salvatore, di Siderno, 41 anni
 Galati Salvatore Giuseppe, detto “Pino”, di Vibo Valentia 46 anni
 Galea Antonio, di Siderno
 Gangemi Domenico, di Reggio Calabria, 64 anni, residente a Genova
 Gattellari Antonio, di Oppido Mamertina, 62 anni
 Gattuso Andrea, di Reggio Calabria, 73 anni
 Gattuso Antonino, di Reggio Calabria, 48 anni
 Gattuso Carmelo, di Reggio Calabria, 43 anni
 Gattuso Domenico, di Reggio Calabria, 49 anni
 Gattuso Francesco, di Reggio Calabria, 79 anni
 Gioberti Osvaldo, di Siderno 49 anni, residente a Siderno Superiore
 Iamonte Remingo, di Melito Porto Salvo, 30 anni
 Iaria Giuseppe Romeo, di Melito Porto Salvo, 30 anni
 Leuzzi Cosimo Giuseppe, di Stignano, 56 anni
 Longo Vincenzo, di Polistena, 47 anni
 Macrì Salvatore, di Mammola, 53 anni
 Maesano Giovanni, di Roccaforte, 46 anni
 Maesano Antonio, di Roghudi, di 70 anni
 Maesano Filiberto, di Palizzi, 78 anni
 Marzano Francesco, di Siderno, di 47 anni
 Marzano Francesco, di Siderno, di 78 anni
 Mazzaferro Rocco, di Marina di Gioiosa Jonica, 70 anni
 Meleca Francesco, di Locri, 47 anni, residente a Siderno
 Meniti Demetrio, di Motta San Giovanni, 50 anni
 Modaffari Leone, di Roghudi, 65 anni
 Nesci Bruno di San Pietro di Caridà, 59 anni
 Nucera Antonio, di Condufuri, 55 anni
 Oppedisano Domenico, di Rosarno, 80 anni
 Oppedisano Raffaele, di Rosarno, 43 anni
 Palmanova Luigi, di Locri, di 65 anni, residente a Siderno
 Pisano Bruno, di Rosarno, 32 anni,
 Praticò Sebastiano di Reggio Calabria, 58 anni
 Prestopino Giuseppe, di Melito Porto Salvo, 44 anni
 Primerano Giuseppe Antonio, di Giffone, 65 anni residente a Fabrizia
 Prochilo Domenico, di Locri, 41 anni residente a Siderno
 Raso Giuseppe, di Cittanova, 69 anni, residente ad Antonimina
 Romeo Salvatore di Roghudi, 89 anni,
 Saraco Vincenzo, di Locri, 35 anni, residente a Stignano
 Scali Rodolfo di Mammola, 45 anni
 Sgambelluri Damiano, di Siderno, 61 anni
 Siviglia Giuseppe, di Melito 40 anni, residente a Roghudi
 Stelitano Sebastiano, di Roghudi, 82 anni
 Tamburi Francesco, di Siderno, 74 anni residente a Grugliasco (To)
 Tassone Damiano Ilario, di Chiaravalle Centrale (Cz), 24 anni, residente a Nardodipace(VV)
 Tassone Rocco Bruno, di Nardodipace (VV), di 64 anni
 Tavernese Vincenzo, di Marina di Gioiosa Jonica, di 47 anni, attualmente dimorante in Canada
 Trapani Giuseppe, di Rughudi, 59 anni,
 Tripodi Giovanni, di Roghudi, 60 anni
 Ursini Mario, di Marina di Gioiosa Jonica, 60 anni, attualmente detenuto
 Zavettieri Annunziato, di Melito Porto Salvo, 40 anni

(Newz.it)

Annunci

Azioni

Information

2 responses

15 07 2010
Adam Trema

la mafia non sarà mai eliminatacon gli arresti.
la mafia è un comportamente mentale tollerato.

saluti
(la cruda verità)
SLEEPLIKE.WORDPRESS.COM
(Adam)

16 07 2010
Valentina

Wow che parole lapidarie……secche,aride,veritiere……Pignatone infatti ha affermato(come già altre volte,ahime’)che c’è stata scarsa partecipazione della società civile(al nord in questo caso,ma valido anzi validissimo anche qui da noi…).Preoccupante questo atteggiamento:è l’unica situazione in cui dovremmo diventare…intolleranti e intransigenti…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: