Professori in “movimento” sulle orme di Progetto Calabrie

11 11 2009

Il simbolo elettorale di Progetto Calabrie alle regionali del 2005Lavorare di similitudine è stato facile. All’assemblea di venerdì scorso, nella sede dell’ex municipio di Lamezia Terme, i “reduci” di quell’esperimento social-politico, ambiziosamente confluito in “Progetto Calabrie” – partito storicamente come “movimento dei professori” – costellavano la sala gremita da oltre duecento presenze.
A chiamare l’appello, uomini di punta del centrosinistra al governo della regione, come gli assessori regionali all’Ambiente e alla Cultura, Silvio Greco e Mimmo Cersosimo.
A rispondere, parti del sindacato, presidi, docenti universitari e aree importanti degli stessi partiti del centrosinistra, come nella tornata elettorale delle Regionali del 2005. In tanti, insomma, nell’incontro esplorativo di venerdì scorso, hanno dimostrato con la propria presenza “indotta” da Greco e Cersosimo di accarezzare l’idea di aggregarsi intorno ad un’idea altra di sviluppo, di democrazia e partecipazione istituzionale (il modello è quello della Rete del nuovo municipio).
C’erano, ad esempio – oltre ai già individuati Italo Reale, il professore Vito Teti, Gianni Pensabene, Nino Zumbo – anche dirigenti storici dell’ex Pci, come Paolo Pileggi, dirigenti scolastici come la preside Gilda De Caro, consiglieri e assessori comunali provenienti dalle cinque province ma anche l’ex segretaria del circolo del Pd di Lamezia Chiara Macrì; così come non ha fatto mancare il suo saluto il sindaco della città della Piana, Giannetto Speranza.
L’essenza di questa entità movimentista, la cui genesi sta passando misteriosamente sotto traccia se non addirittura sotto silenzio, sembra essere la stessa che spinse, nel lontano 2004 “Progetto Calabrie”, ad interloquire con i partiti dei centrosinistra lanciando l’idea di elezioni primarie o in subordine di una grande costituente programmatica all’interno della quale scegliere programma e candidato presidente. Questo senza mutare la sua natura di rete di associazioni e movimenti intellettuali che riscoprono come loro compito fondamentale l’impegno civile.
Tra le peculiarità del candidato alla presidenza della Regione del centrosinistra – che si sono dichiarati pronti a sostenere, chiunque esso sia – e quindi i principi del manifesto del nuovo movimento politico: competenza, interesse per il bene comune, partecipazione.
Come anticipato nei giorni scorsi, nel confronto si è arrivati perfino ad abbozzare logo e nome della lista che sulla scia del movimento dei professori dovrà scendere in campo a sostegno del centrosinistra. E al momento l’unico nome in circolazione è quello di Agazio Loiero.
I promotori del movimento, sono al lavoro già da oggi – con un incontro informale e ristretto – per arrivare all’organizzazione di una seconda assemblea operativa entro la fine della settimana.

(Maria Rita Galati su Calabria Ora)

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: