DOCUMENTO ECCEZIONALE: ECCO LE INCHIESTE DI CARLO VULPIO CHE SPIEGANO MOLTI RETROSCENA DELLA VICENDA DE MAGISTRIS

29 12 2008

di Nicola Piccenna

pinocchioIl segretario dell’Associazione Nazionale Magistrati, tale Dr. Giuseppe Cascini, comincia ad essere più noto.
Ovviamente non mi riferisco alle informazioni sensibili, quelle private e tutelate dalle leggi del caso, bensì alle informazioni su chi sono i suoi parenti, che ruoli hanno nella pubblica amministrazione, come entrano suoi omonimi nelle vicende giudiziarie “curate” dal Dr. Luigi de Magistris.
Insomma, tutte quelle notizie che ci fanno capire di più.  Ci fanno pensare di più. Potrebbero anche farci indignare di più, se non avessimo esaurito tutta la nostra indignazione negli ultimi due anni. Da quando, cioè, è stato aperto il più rilevante procedimento giudiziario della storia repubblicana, quello contro magistrati, ministri, ispettori e politici che impediscono ad altri magistrati di indagare sulla cupola politico-massonica che vorrebbe controllare totalmente la Repubblica Italiana. Il nodo è solo questo, semplicemente questo. Leggi il seguito di questo post »





Per chi non avesse visto “Annozero” su Rai 2 giovedì 18 dicembre

22 12 2008

“La legge è uguale per tutti” ? Non è  vero.

 

Per chi si fosse perso la trasmissione di Annozero sulla allarmante situazione giudiziaria italiana e i rapporti tra magistratura,  politica e affari in Calabria e Basilicata, clicchi  ai link

 (e ai video di Annozero) sottostanti:

 

 

http://lucania.ilcannocchiale.it/2008/12/20/caso_de_magistris_anno_zero_18.html

 

oppure su

 

http://video.google.it/videoplay?docid=8340525137882037148&hl=it

 

http://video.google.it/videoplay?docid=6710440025277926783&hl=it

 

http://video.google.it/videoplay?docid=-8380891997259555211&hl=it

 

http://video.google.it/videoplay?docid=-6475080297528691560&hl=it

 

http://video.google.it/videoplay?docid=2086148675195672900&hl=it

 

e su:

 

http://toghe.blogspot.com/2008/12/caso-de-magistris-parliamo-di-soldi.html

 

ed anche sui i video che trovate in:

 

http://toghe.blogspot.com/2008/12/lanm-disvelata-in-diretta-tv.html

 





IL MIRACOLO DI NATALE?/ Veltroni: “Fuori dal PD i capibastone”

21 12 2008

 Ieri c’è stata la direzione del partito democratico, nel Adamo e Bovacorso della quale è stata approvata la relazione di Walter Veltroni, ma in cui si sono sentite anche voci critiche verso l’attuale gestione del partito. Compresa quella di Massimo D’Alema. Ma oggi il presidente della Fondazione Italianieuropei spiega meglio il suo pensiero, fa quadrato intorno al segretario, e ribadisce l’importanza dell’unità interna. Mentre lui, Veltroni, intervenendo alla prima assemblea dei giovani democratici, non molla: “Nessuno mi convincerà mai che è meglio un capobastone che porta voti piuttosto che liberarsene. Voglio un partito di gente perbene, un partito sano, gli altri fuori“.

^^^^^
AMEN!





Prossima Manifestazione Nazionale “1 Marzo” 2009 a Crotone

19 12 2008

Comunicato Stampa

Domenica 14 dicembre, in occasione dell’incontro promosso dall’Arcidiocesi di Crotone-S.Severina nell’ambito dell’Agora’  Citta’  di Crotone, Vincenzo Linarello – presidente del Consorzio Sociale GOEL e portavoce di Comunita’  Libere – ha annunciato che il prossimo evento nazionale simbolo dell’Alleanza
con la Locride e la Calabria (sottoscritta – lo ricordiamo – da ben 2800 privati e 678 enti e associazioni) si svolgera’  il 1 marzo 2009 a Crotone, citta’  colpita da gravi episodi che ne hanno segnato la cronaca recente. Leggi il seguito di questo post »





Una stagione all’inferno

19 12 2008

SCARICA QUI (1,55 Mb, 29 pagine, formato .pdf) IL RAPPORTO DI MSF

Una Stagione all’Inferno.
Abbiamo deciso di dare questo titolo al rapporto di Medici Senza Frontiere (MSF) perché raccoglie l’idea di quello che ogni anno migliaia di stranieri vivono nelle campagne del Sud Italia quando si spostano da una regione all’altra per essere impiegati in agricoltura come stagionali.
Pur di lavorare queste persone accettano paghe da fame e sono costrette a condizioni di povertà estrema ed esclusione. Vittime consapevoli di un sistema economico e politico perverso che li sfrutta e che allo stesso tempo li tollera ma poi li criminalizza.
Con questo rapporto MSF vuole denunciare ancora una volta quest’inaccettabile stato di cose che lede la dignità degli ultimi e tutelare un diritto fondamentale, quello dell’accesso alla salute.





Chiusura indagini e orientamento al rinvio a giudizio per il gotha dei politici calabresi: l’impianto accusatorio di “Why not” formulato da De Magistris evidentemente ‘tiene’

17 12 2008

why notCon la chiusura dell’inchiesta e l’emissione degli avvisi di conclusione per gli indagati (molti dei quali avevano gia’ ricevuto l’avviso di garanzia nei mesi scorsi, come il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero), l’indagine entra nella fase decisiva.
Gli indagati avranno 20 giorni di tempo dalla notifica per chiedere di essere sentiti o per depositare memorie difensive. Quindi la Procura generale decidera’ se chiedere il rinvio a giudizio od il proscioglimento dei singoli indagati.
Nell’atto, previsto dal codice di procedura penale come atto conclusivo delle indagini preliminari, sono ipotizzati, a vario titolo, numerosi reati: dall’associazione per delinquere all’abuso d’ufficio e alla turbata liberta’ degli incanti, dalla truffa alla truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, dalla frode nelle pubbliche forniture al peculato, dalla corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio all’istigazione alla corruzione, dall’estorsione alla falsita’ ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici. Nel provvedimento gli indagati sono raggruppati per capitoli in relazione alla vicenda che li riguarda, con l’enunciazione dell’ipotesi di accusa. Alcuni indagati sono accusati di piu’ reati. (ANSA).





ECCO PERCHE’ NON POSSIAMO DIRCI UNA NAZIONE CIVILE

15 12 2008

Guardando questa intervista a Marisa Masciari, moglie del testimone di giustizia Pino Masciari, possiamo avere l’esatta percezione di quanto l’Italia non sia una nazione civile. Oppure una nazione che si è rassegnata a far vivere più di un terzo della sua popolazione sotto la schiavitù mafiosa.