Giustizia, allarme di Grasso: “Sulle barricate per difendere i pm”

31 08 2008

di SILVIO BUZZANCA (Su “Repubblica”)
Piero GrassoROMA – L’autonomia e l’indipendenza dei magistrati va difesa. Anche a costo di fare le barricate. E lasciate stare in pace Giovanni Falcone, non strumentalizzate le sue parole. Altrimenti si rivolta nella tomba. Pietro Grasso, procuratore nazionale antimafia, legato da grande amicizia con il magistrato ucciso dalla mafia, interviene nello scontro in atto sulla riforma della giustizia e si schiera nettamente. Davanti al pubblico della Festa democratica di Firenze dice che “occorre difendere

Leggi il seguito di questo post »





Per una pedagogia ispirata alla Costituzione

31 08 2008

di Mario Lodi (l’Unità, 30.08.2008)

Un articolo di Ernesto Galli della Loggia, pubblicato sul Corriere il 21 agosto invita a una riflessione seria sul problema educativo della scuola italiana di oggi. È vero che la scuola pubblica in Europa da due secoli ammette che non è solo un sistema per impartire nozioni, ma qualcos’altro, Che cosa? Rousseau scrisse che il bambino nasce libero e la società lo corrompe. Il grande scrittore Tolstoj aveva provato a realizzare per i figli dei contadini poveri la scuola di Jasnaia Poliana dove i bambini scrivevano i libri sui quali studiavano. Gli ultimi due secoli non sono stati avari di riflessioni e di esperienze singnificative.

Basta ricordare Maria Montessori che aprì le Case dei bambini, la Escuela moderna di Francisco Ferrer, la Cooperative Laic del Freinet che si diffuse in Italia con il Movimento di Cooperativa Educativa dopo la seconda guerra mondiale come pedagogia del buon senso, lasciando numerose opere pubblicate da Case Editrici famose.
E contemporaneamente l’idea del priore don Lorenzo Milani di trasformare la sua parrocchia in scuola finalizzata ai valori della Costituzione, vale a dire la collaborazione nella libertà, invece della competizione.
In Italia la strumentalizzazione della scuola per fini politici fu attuata dal fascismo, durò vent’anni e portò alla guerra.

Con la Liberazione fu necessario cambiare le leggi del nuovo stato democratico e in sede in Assemblea Costituente pochi sanno che l’11 dicembre ’47, fu approvato Leggi il seguito di questo post »





La Fondazione Scopelliti si appella direttamente al Consiglio Comunale di Comiso

30 08 2008

Al Sig. Presidente del Consiglio Comunale di Comiso

SEDE

Oggetto: richiesta di comunicazione al Consiglio Comunale sulla vicenda della revoca dell’intitolazione dell’aeroporto a Pio La Torre.

 

Reggio Calabria, 28 agosto 2008

 

Signor Presidente,

abbiamo appreso dagli organi d’informazione che il neo-eletto sindaco di Codesta cittadina avrebbe deciso di proporre la revoca dell’intitolazione dell’aeroporto di Comiso a Pio La Torre, martire della violenza mafiosa. Leggi il seguito di questo post »





Appello di Padre Alex Zanotelli: S.O.S. Acqua

28 08 2008

Nel cuore di questa estate torrida e di questa terra calabra mi giunge, come un fulmine a ciel sereno, la notizia che il governo Berlusconi sancisce la privatizzazione dell’acqua. Tutto questo con l’appoggio dell’opposizione, in particolare del Pd

di Padre Alex Zanotelli
 

Padre Alex ZanotelliCosenza – Nel cuore di questa estate torrida e di questa terra calabra, lavorando con i giovani nelle cooperative del vescovo Brigantini (Locride) e dell’Arca di Noè (Cosenza), mi giunge, come un fulmine a ciel sereno, la notizia che il governo Berlusconi sancisce la privatizzazione dell’acqua. Infatti il 5 agosto il Parlamento italiano ha votato l’articolo 23 bis del decreto legge numero 112 del ministro G. Tremonti che nel comma 1 afferma che la gestione dei servizi idrici deve essere sottomessa alle regole dell’economia capitalistica. Tutto questo con l’appoggio dell’opposizione, in particolare del Pd, nella persona del suo corrispettivo ministro-ombra Lanzillotta (Una decisione che mi indigna ma non mi sorprende, vista la risposta dell’on. Veltroni alla lettera sull’acqua che gli avevo inviata durante le elezioni!). Leggi il seguito di questo post »





Fondazione Scopelliti: indignazione e vergogna per la cancellazione del nome di Pio La Torre dall’aereoporto di Comiso

28 08 2008

E’ vecchia abitudine in un certo meridione, intriso di mafiosità ed assuefatto a questa piaga, uccidere tre volte le vittime della criminalità mafiosa.
Prima li uccidono con la lupara (o con il kalashnikov, sua versione moderna).
Poi li ri-uccidono con le maldicenze e le insinuazioni, quasi a voler giustificare l’assassino e a scaricare la colpa di essere stato ucciso sulla stessa vittima.
Infine tentano di ucciderli per la terza volta con l’oblio, con la cancellazione della memoria storica. Leggi il seguito di questo post »





Comiso, il sindaco cancella Pio La Torre

28 08 2008

La giunta comunale di Comiso, in provincia di Ragusa, ha deciso di cambiare l’intitolazione dell’aeroporto. Pio La Torre lascerà il posto al generale dell’aeronautica Vincenzo Magliocco, caduto in Africa orientale nel 1936

di Claudio Fava

Pio La TorreQuando la mafia ammazzò Pio La Torre, l’attuale sindaco di Comiso Giuseppe Alfano aveva solo otto anni. Pochi. Un’età in cui le cose della vita hanno ancora contorni sfumati, e anche il dolore di un popolo, la violenza, la rabbia sono parole sfocate, concetti astratti. Non so se sia questo vizio di memoria a non permettere al sindaco Alfano di capire la gravità del suo gesto. Che non è solo un gesto inconsulto o uno sberleffo agli avversari sconfitti: è un gesto Leggi il seguito di questo post »





La Rete per la Calabria lancia un grido d’allarme ai politici regionali: “Non provocate la reazione popolare nella Piana di Gioia Tauro”

27 08 2008

“Siamo molto allarmati per le dichiarazioni del capogruppo Pd in Regione Nicola Adamo in merito alla chiusura degli Ospedali in provincia di Reggio. La popolazione della Piana di Gioia Tauro potrebbe stavolta reagire in maniera incontrollabile”

 
Leggiamo a pag. 6 del quotidiano “Calabria Ora” di oggi, 27 agosto 2008, una dichiarazione del capogruppo Pd in Consiglio Regionale Nicola Adamo in merito a presunte chiusure di “ospedali reggini” che ci allarma e ci preoccupa.

Leggi il seguito di questo post »