Don Ciotti: «Le mafie non moriranno mai se non cambia una certa politica»

27 07 2008

DON LUIGI CIOTTI DI LIBERA HA CONDOTTO OGGI IL TELEGIORNALE DI TELEJATO. E DALLE TELECAMERE DELLA PICCOLA TELEVISIONE SICILIANA MINACCIATA DALLA MAFIA HA ATTACCATO IL GOVERNO SULLA QUESTIONE GIUSTIZIA E SULLO STATO DI EMERGENZA SUI MIGRANTI

«Le mafie non moriranno mai se non cambia una certa politica e se non cambiamo noi – ha dichiarato Luigi Ciotti – Non dobbiamo più parlare di società civile ma di società responsabile». Questo il messaggio di Don Luigi Ciotti di Libera dai microfoni di Telejato, la piccola televisione di Partinico in provincia di Palermo minacciata dalla mafia, dove oggi ha condotto il telegiornale dell’emittente all’interno dell’iniziativa di solidarietà “Siamo tutti Pino Maniaci”. Un messaggio chiaro verso chi vuole tappare la bocca alla stampa e alla società civile non solo in Sicilia ma in tutto il Paese.
Lo storico fondatore del Gruppo Abele e dell’associazione Libera, ha poi alzato il tiro nei confronti del governo: «Se le istituzioni alzano il tono della voce per dichiarare la propria innocenza, noi siamo i primi a garantirli, ma devono prima dare l’esempio e farsi giudicare serenamente e non chiedere l’immunità parlamentare, perché questo è un esempio terribile. Basta con gli attacchi alla magistratura indiscriminati».
E anche il decreto sicurezza e la dichiarazione di “stato di emergenza” su tutto il territorio nazionale annunciato ieri dal governo ha scatenato dure critiche da parte di Ciotti: «Provo inquietudine e disgusto perché si sta creando un codice penale parallelo per i migranti – ha infatti dichiarato – Non c’è uguaglianza nel nostro Paese. Non si può creare reato criminalizzando la povertà. La legalità deve essere rispettata da tutti quanti, cominciando dal sottoscritto che se sbaglia deve pagare e così tutti devono farsi giudicare, tutti però allo stesso modo devono avere la garanzia della sicurezza, rom e migranti compresi. E’ assurdo che si facciano leggi  più dure per i poveri cristi e che poi se ne facciano altre che servono ad agevolare “alcuni”. Ciascuno di noi deve spendersi perché ci sia uguaglianza e dignità per tutti. Dobbiamo darci da fare e dare risalto a quella parte di società responsabile che lotta per il cambiamento».

Advertisements

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: