Un fiume di soldi agli amici di Adamo

8 01 2008

da “La Provincia Cosentina”

Nicola Adamo voleva fare le cose perbene e cosi dopo avere speso oltre sei milioni di euro per la campagna promozionale con Oliviero Toscani, ha dato altre 170 mila euro ad una società, la NP & A comunicazione, legata sempre alla RPN, di cui è socio Gianni Consorte. 170 mila euro, una marea di soldi, dati senza nessuna gara e con un esito assai negativo, se è vero che la Calabria vanta il triste primato di fanalino di coda come immagine di buon governo.
Si accende di altri, inquietanti elementi la vicenda della gestione delle risorse comunitarie programmate per valorizzare il territorio calabrese.
Ma andiamo con ordine.
Nicola Adamo, evidentemente con il placet romano, decide di chiamare Oliviero Toscani, fotografo reso famoso dalle campagne provocatorie di Benetton.
Al grande fotografo vengono dati 130 mila euro, una bazzecola rispetto all’impegno complessivo promosso dalla Regione. Oltre sei milioni di euro vengono stanziati e spesi per far emergere la campagna con giovani calabresi che recitano l’ossimoro provocatorio della mafia e dell’antimafia.
La pubblicità compare su Corriere, Repubblica, La Stampa, sugli inserti, sui grandi giornali sportivi e sui tabelloni delle principali città italiane.
Un ruolo fondamentale lo recita l’agenzia RPN Novelli, di Roma, in cui risulta socio Giovanni Consorte, il capo dei “furbetti” diessini, l’uomo che da Unipol voleva acquisire la Banca Nazionale del Lavoro.
Quanti soldi ha avuto l’agenzia?
Non è dato saperlo, intanto la Calabria ha speso un’enormità, circa dodici miliardi delle vecchie lire, per un’impresa inutile, che non ha prodotto effetti positivi per l’opinione pubblica.
Tutto qui?
Neanche per sogno; la bramosia di Adamo, che è indagato da diverse procure per presunte malversazioni, non si poteva fermare all’affidamento dei lavori diretti per la campagna Toscani.
La Calabria aveva bisogno d’altro e cosi ecco spuntare una nuova agenzia, la NP & A Comunicazione, in cui risulta impegnato in prima linea Natale Pierluig Arcuri, che è sempre presidente della Rpn. Adamo affida a questa società ben 170 mila euro per migliorare l’immagine della Calabria. Gli eventi che seguiranno, con la sua iscrizione nel registro degli indagati per le note vicende di Catanzaro, strideranno con la volontà manifesta di trasmettere messsaggi distensivi e positivi in giro per il mondo.
Ci sono mai state gare d’appalto per regolarizzare affidamenti di questa portata?
Ma certo che no, cosi come sembrano ridicole, lette nel tempo, le dichiarazioni di Adamo che, presentando l’iniziativa nel febbraio del 2007, ebbe a dichiarare che ”in ogni caso si tratta di un’operazione senza budget che la Giunta gestisce firmando direttamente i contratti con le testate e risparmiando il 15% tradizionalmente dovuto alle agenzie intermediatrici”.
Nelle principali città del Centro Nord saranno affissi 2500 manifesti 3×6 metri, da far invidia ai potenti mezzi berlusconiani, anche se per questa operazione non è data sapere la cifra investita, o almeno, dicono, non è stata ancora quantificata.
E poi “toccherà anche ai calabresi risparmiati da questa tornata – spiega Adamo – saranno protagonisti di un’ulteriore ricaduta pubblicitaria della stessa campagna”.
Nicola Adamo aveva previsto circa 900 mila euro per questa prima tornata, sarebbe assai curioso sapere come sia stato possibile arrivare a superare del 700% la spesa iniziale programmata: sei milioni e trecentomila euro.
P.C. 

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: