Collice (Nuovo PSI) attacca Bova: “Non è solo prepotente, lui agogna al regime”

22 11 2007

da “Il Quotidiano della Calabria”

Nella foto uno scimpanzèIl vice segretario nazionale del Nuovo Psi, Adolfo Collice, interviene nel dibattito sulle strutture speciali del Consiglio, accusando il presidente Giuseppe Bova di tollerare una situazione di illegittimità che riguarderebbe il gruppo del garofano.
«Alla nascita – spiega Collice – il gruppo era composto da 3 unità, ma si è ridotto quasi subito per l’abbandono dell’on. Stancato.
I due sopravvissuti (Racco e Chieffallo) hanno nominato Racco capogruppo ed hanno ottenuto la struttura speciale in forza di una clausola dello Statuto regionale che prevede che a formare un gruppo si può essere anche meno di tre componenti a condizione d’essere espressione di un partito nazionale o di lista che alle elezioni abbia superato il 5% dei voti.
Nel caso specifico sussisteva questa seconda clausola almeno fino a ottobre 2005, quando Racco e Chieffallo hanno abbandonato il Partito (Nuovo PSI) per costituire un nuovo partito (I Socialisti). Ma anche dopo questo cambio di casacca – continua Collice – il Presidente Bova ha mantenuto la struttura speciale all’on. Racco con un consistente sperpero di danaro pubblico.
Sulla vicenda è stata interessata la Corte dei Conti.
La scelta di Bova, comunque, non sembri incomprensibile– sostiene Collice – essa tiene conto del passaggio, di Racco e Chieffallo, a sinistra. La decadenza da Consigliere di Leopoldo Chieffallo e la surroga con l’on. Galati ha riaperto, dopo la scelta di aderire al Nuovo PSI nelle cui liste è stato eletto, la questione.
Neanche dopo questa decisione di Galati, Bova – secondo Collice – ha sentito ragione dimostrando la sua vera indole caratterizzata da prepotenza, prevaricazione e abuso di potere. Non si tratta solo di casta, pervasa da vera onnipotenza, ma anche di gente che pensa e agogna al regime». Sempre secondo Collice «a nulla serve nascondersi dietro il dito e far rigettare la richiesta di normalizzazione
dei ruoli ad un Dirigente regionale che si assume anch’egli la responsabilità di quanto deciso: la motivazione poi, espressa da cinque, diconsi cinque, Consulenti giuridici del Presidente (a proposito: quanto ci costano?) è di quelle da far sbellicare dalle risate. Si sentenzia, infatti, – osserva – che il gruppo è costituito e non può ricostituirsi. Racco è come il Papa è stato eletto vita natural durante e potrà cessare nel ruolo solo dopo la sua dipartita. Ci si dimentica, però, che è stato eletto Presidente da Racco e Chieffallo e che con l’ingresso di Galati, come minimo, la partita è riaperta. Va rieletto il nuovo Presidente.
Ci si trova, comunque, in una situazione paradossale, che solo in Calabria e con la Presidenza Bova poteva verificarsi: un gruppo bipolare. Il Gruppo del Nuovo PSI – spiega – ha, infatti, un Presidente che aderisce ad altro Partito
(nella fattispecie il PD) ed è collocato a sinistra, e un componente che è collocato nella CdL proprio dove gli elettori lo hanno eletto.

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: