INCREDIBILE! ANCHE I SITI INTERNET DI GIOVANNI PECORA, AL TEMPO DEI “GIROTONDI”, SPIATI DAL SISMI!

5 07 2007

Appena l’ho appreso ammetto che non sapevo se ridere o incavolarmi di brutto.
Da una parte pensare di essere oggetto addirittura delle “attenzioni” dei Servizi Segreti ti dà una sorta di ‘gratificazione morale’, come a dire “Beh, tutto sommato, allora qualcosa di veramente importante l’ho fatta nella mia vita”.
Da un’altra parte c’è da restare agghiacciati: ora comincio a veder chiaro in tante situazioni “strane” del mio passato, in tante difficoltà operative, in qualche rapporto di lavoro chiuso inaspettatamente e troppo repentinamente e senza alcuna apparente giustificazione, in qualche “strana” coincidenza su problemi tecnici come attacchi di hacker misteriosi ai nostri siti internet e attacchi di altro genere miranti a distruggere i nostri siti web di informazione politica. 
Appare che dietro c’era un disegno torbido e  silenzioso, c’era l’ordine di mettere a tacere le voci libere che nessun denaro e nessun potere poteva comprare.
E allora adesso voglio vederci chiaro. Voglio sapere tutto, senza ‘sconti’ per nessuno, costi quel che costi.
GP
 

 

“Giuristi militanti e circo mediatico delegittimano il premier”
da “Repubblica” del 5 luglio 2007
(http://www.repubblica.it/2007/03/sezioni/cronaca/sismi-mancini-10/documenti-sismi-2/documenti-sismi-2.html)

Il Generale PollariTELEKOM SERBIA, LA RAI E GLI INCONTRI AL QUIRINALE
Appunto al signor Direttore – 26 luglio 2002: “Situazione politica e alcuni suoi possibili risvolti” “Trasmetto per le valutazioni di interesse. A disposizione per ogni ulteriore chiarimento, mi è gradita l’occasione per porgerLe cordiali saluti.
Ambiti bene informati hanno fornito indicazioni inerenti il significato e le motivazioni che, verosimilmente, sarebbero sottesi al recente messaggio alle Camere da parte del Capo dello Stato.
Motivazioni e significato rappresenterebbero l’esito di una serie di incontri e contatti intercorsi tra il Segretario generale del Quirinale, dr. Gaetano Gifuni, e i leaders Ds, Piero Fassino e Massimo D’Alema. Tali incontri, sollecitati fortemente anche da Lamberto Dini, avrebbero avuto come finalità la definizione di una strategia tesa a tutelare il Presidente della Repubblica e alcuni uomini politici dalle vicende che potrebbe assumere la vicenda Telekom Serbia.
Nell’ambito della suddetta strategia, il messaggio alle Camere, in realtà, avrebbe perseguito lo scopo di dare un preciso segnale sullo scontro politico e istituzionale che verrebbe a determinarsi qualora la Commissione parlamentare di inchiesta sull’affare Telekom Serbia dovesse orientarsi per una chiamata in causa del capo dello Stato, all’epoca ministro del Tesoro, unitamente a determinati esponenti del governo e della maggioranza di quel periodo. In particolare, l’intervento sul pluralismo dell’informazione, contenente l’auspicio di estendere le prerogative della Commissione parlamentare di vigilanza sulla Rai alle reti private, costituirebbe l’anticamera di una ancora più decisa forma di pressione da attuarsi tramite lo sbarramento dell’opposizione e l’alea del rinvio alle Camere della legge sul conflitto di interessi”.

UNA “VOCE” DA SPEGNERE. UN INGLESE DA SPIARE
Appunto per il direttore – Gennaio 2003: “Attacchi contro il presidente del Consiglio alla vigilia del semestre italiano” (di presidenza Ue). “Si è avuta notizia che, sui recenti attacchi portati da alcune testate giornalistiche, avrebbero essenzialmente interagito: Il nutrito gruppo di giornalisti e “giuristi” militanti raccolto intorno alla “Voce della Campania” diretta da Andrea Cinquegrani e Rita Pennarola; Michele Santoro; Giuseppe Giulietti; Paolo Serventi Longhi; Ignazio Patrone; Sandro Ruotolo e Giulietto Chiesa; il presidente della stampa estera in Italia Eric Jozsef, corrispondente del giornale francese “Liberation”, autore di durissimi articoli contro il governo italiano ripresi e diffusi ad opera del magistrato belga Marie Anne Swartenbroeks.
Quanto poi al ruolo mediatico esercitato dalla “Voce della Campania” esso risulterebbe caratterizzato dalle forti connessioni stabilite con ambienti dei cosiddetti “giuristi militanti”, dal rappresentare una delle principali componenti del complesso circuito telematico facente congiuntamente capo ai siti “Centomovimenti.it” e “Manipulite.it” (diretti entrambi da Giovanni Pecora, n.d.r.) che alimenta il processo di delegittimazione del premier.
Prestigiosi opinionisti (sic) hanno scritto negli ultimi anni per la “Voce”. Tra questi, “Percy Allum”, cittadino inglese il cui nome sarebbe Antony Peter Allum, che, oltre ad essere punto di riferimento di alcuni corrispondenti come quelli del “Guardian”, dell’Economist e del Financial Times, godrebbe di solidi legami (in ciò agevolato dall’essere docente presso l’Orientale di Napoli) con ambiti del fondamentalismo islamico napoletano, fungendo anche da collegamento con quelli attivi in Gran Bretagna”.

LA COMMISSIONE MITROKHIN
Appunto al signor Direttore – 6 giugno 2002 “Fonte vicina ad ambienti dell’opposizione ha informato che esponenti di spicco dei Ds, appartenenti all’area cui fa ancora capo la leadership del partito, avrebbero manifestato l’intenzione di non voler ostacolare l’accertamento, da parte della Commissione, dell’eventuale coinvolgimento di determinati uomini politici della sinistra. Ciò al fine di indebolire l’asse venutosi a costituire tra la parte più ortodossa del partito, la Cgil e il suo leader, Rifondazione comunista, Comunisti italiani e l’area movimentista ricomprendente i no global e le frange più estreme dell’antagonismo. L’obiettivo sarebbe quello di ricostituire una forte sinistra, cosiddetta di Governo, in grado di ricompattare l’opposizione e mantenerne la guida su basi programmatiche”.

PRODI SI CANDIDA
Appunto al Direttore (senza data) “Ambiti bene informati hanno fornito indicazioni secondo cui la palese entrata in campo politico dell’attuale Presidente della Commissione Europea, tra l’altro sancita dalla recente diffusione di un vero e proprio documento programmatico titolato “Europa: il sogno e le scelte” avrebbe determinato negli ambienti dell’Unione Europea e in diversi Paesi membri forti reazioni contrarie che starebbero per sfociare in un clamoroso caso di incompatibilità. In particolare sembra che il caso in questione sia stato sollevato e fatto proprio, in punto di principio, dagli stessi organismi della Ue, nonché da diversi gruppi politici del Parlamento europeo.
Tant’è che la eco mediatica suscitata dalla vicenda starebbe per assumere risvolti clamorosi soprattutto sulla stampa estera mentre in Italia verrebbe trattata con scarsa attenzione destando non poca meraviglia nel resto dell’Europa. Tuttavia, il dato rilevante sarebbe che, nel caso di specie, non si tratterebbe di mera polemica politica, bensì del rispetto di un principio, ormai consolidato in sede Ue, teso ad evitare fenomeni di commistione tra il ruolo di Presidente della Commissione e quello di leader di una coalizione politica nel Paese di appartenenza. Di qui la trasversalità delle prese di posizione contrarie, che abbraccerebbero larga parte del Parlamento europeo e non solo, con l’intento di perpetuare il rispetto di tale forma di incompatibilità cui si sono già attenuti altri leader politici”.

(5 luglio 2007)

Annunci

Azioni

Information

One response

5 07 2007
Giorgio Durante

Conosciamo bene il sistema, il quale deve autotutelarsi, passando sopra le libertà di tutti. Ritengo che alla lunga il senso di oppressione esploda travolgendo tutto e tutti. Soprattutto i santuari del potere deviato e della malapolitica. tutti consiglio la visione di V- per Vendetta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: