9-10-11 AGOSTO A REGGIO CALABRIA: nasce “Legalitàlia”, il primo meeting nazionale dei giovani antimafia.

31 07 2007

COMUNICATO STAMPA DEL MOVIMENTO DEI RAGAZZI DI LOCRI “E ADESSO AMMAZZATECI TUTTI”

 

E’ solo un piccolo evento, ma di grande importanza nella storia del nostro movimento: con il Meeting nazionale ‘Legalitàlia 2007’ che terremo a Reggio Calabria nei giorni 9, 10 e 11 agosto prossimi stiamo dimostrando che ormai i ragazzi di “Ammazzateci tutti” sono cresciuti non solo numericamente ma anche qualitativamente, e vogliono essere tra i protagonisti, con le loro idee ed i loro progetti, di quella Calabria che vuole cambiare e che sta già cambiando. Una vera novità nel quadro delle manifestazioni estive regionali, che solitamente erano appannaggio dei soli partiti politici, cioè un raduno nazionale di giovani provenienti da diverse realtà italiane ma tutti legati da una grande attenzione per le problematiche connesse alla legalità ed alla lotta a tutte le mafie.

Dal 9 all’11 agosto ci ritroveremo a Reggio Calabria per una nuova iniziativa che abbiamo ideato e che abbiamo voluto Leggi il seguito di questo post »





NON PERTINENTE SARA’ LEI

24 07 2007

di Marco Travaglio.

“Anche il Presidente della Repubblica dei Mandarini Intoccabili, davanti al Csm, ha voluto dare la sua bastonata al gip Clementina Forleo, rea di “valutazioni non pertinenti ed eccedenti”, cioè di lesa maestà nei confronti di sei parlamentari che due estati fa scalavano banche e case editrici in combutta con i furbetti del quartierino e si avvertivano a vicenda delle intercettazioni in corso (D’Alema, essendo molto intelligente, per avvisare Consorte del suo telefono intercettato, gli telefonò).
Secondo Napolitano, con queste “fughe di notizie” l’opinione pubblica rimane disorientata. In realtà, proprio grazie al giudice Forleo e ai giornali che hanno riferito le sue ordinanze, l’opinione pubblica ha capito benissimo tutto. E cioè che “non pertinente ed esorbitante” è il comportamento dei politici scalatori, non dei giudici

Leggi il seguito di questo post »





Chiesa calabrese, un quadro davvero inquietante

21 07 2007

di Giorgio Durante

La squallida vicenda dell´Istituto Papa Giovanni, si inserisce in un contesto sociale e politico di grande degrado morale ed etico.
Colpisce molto la vicenda per via del coinvolgimento di Preti ed alti Prelati, che si arricchivano alle spalle dei più deboli, e questa volta le vittime davvero erano incapaci di qualsivoglia capacità di difesa. Una vergogna che peserà molto sulla curia Cosentina e su tutta la Chiesa, che come nel caso dei Preti pedofili tende a minimizzare, condanna con una terminologia volutamente vaga ed equivoca. Leggi il seguito di questo post »





Al di là delle chiacchiere, la Calabria è in mano ai nuovi barbari

20 07 2007

di Pietro Mancini 

Sconcerta, ma non sorprende, l’ assordante silenzio della ” casta ” politica, nazionale e calabrese, all’ indomani della documentata denuncia del pubblico ministero di Catanzaro, Luigi de Magistris, che ha parlato di una nuova Tangentopoli “, descrivendola in TV come un più evoluto, e trasversale, “sistema di rapina delle risorse pubbliche”. ” In Calabria – ha spiegato il magistrato- ormai la trasversalità è diventata la regola. Esiste un sistema criminale organizzato, che tenta di controllare tutti i finanziamenti pubblici, principalmente quelli provenienti dalla Unione Europea. E’ la terra, dove sono arrivati enormi flussi di soldi. Come i fondi POR 2007- 2013 : 8 miliardi e 500 milioni di euro !”. Malapolitica, secondo de Magistris – che, di recente, ha inviato un avviso di garanzia al premier, Romano Prodi, indagato per abuso di ufficio – ma anche criminalità economica, infiltrazioni della ‘ndragheta nelle istituzioni e nella sanità pubblica, ma anche pericoli, molto seri, per lo stato di diritto, a causa delle inquietanti zone d’ ombra, ravvisate in delicati settori della stessa Leggi il seguito di questo post »





DE MAGISTRIS: QUESTIONE MORALE DA AFFRONTARE IN TUTTI I “PALAZZI” CALABRESI, COMPRESI QUELLI DELL’INFORMAZIONE E DELLA GIUSTIZIA

16 07 2007

(ANSA) – ROMA, 16 LUG – «C’è una questione morale anche all’interno della magistratura. Se si è arrivati a questo credo che ci sia parte della responsabilità della magistratura».
Il sostituto procuratore di Catanzaro, Luigi de Magistris, titolare delle indagini sul presunto comitato d’ affari politico-massonico con base a San Marino per la gestione di fondi comunitari sull’asse Calabria-Bruxelles, non intende parlare dell’inchiesta in corso che ha portato all’iscrizione nel registro degli indagati del premier Romano Prodi ma – nel corso di un’intervista a Riccardo Iacona che andrà in onda martedì 17 su Raitre alle 21 durante la trasmissione «WL’ITALIAdiretta» – il magistrato fa il punto sulla criminalità organizzata dei «colletti bianchi» e sulla «trasversalita» della corruzione in Calabria.
«Pur non potendo parlare delle indagini – afferma De Magistris – posso però dire che secondo la mia Leggi il seguito di questo post »





IL MOVIMENTO “AMMAZZATECI TUTTI” LANCIA UNA NUOVA PETIZIONE SULLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA

14 07 2007
 
Questa riforma della Giustizia potrebbe agevolare le mafie ed i potentati
 

 


DOCUMENTO-APPELLO SULLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA

CLICCA QUI PER SOTTOSCRIVERE LA PETIZIONE

 

Noi stiamo con i magistrati coraggiosi, e tu?

Dopo mesi di riflessione e massimo rispetto per il lavoro del Governo e del Parlamento, non possiamo a questo punto esimerci dal dire anche la nostra in merito alla Riforma ella Giustizia ed in generale in merito ai tanti problemi che hanno messo in ginocchio lo Stato di diritto negli ultimi tempi.
La riforma della Giustizia del Ministro Mastella mette all’angolo la magistratura onesta e di frontiera. Neanche in Bulgaria vengono “puniti” i magistrati ed al secondo cartellino giallo espulsi.
Sarebbe opportuno che si facesse una riforma simile anche per i parlamentari, allora sì che ne conteremmo di cartellini gialli per inadeguatezza.

Perché invece di risolvere il problema dell’eccessiva durata dei processi, che poi finiscono in prescrizione, si pensa invece a mettere i paletti alla magistratura?
Ci sono cittadini, testimoni di Giustizia, che hanno denunciato interi clan mafiosi con nomi e cognomi e che rischiano, tra un indulto, un patteggiamento allargato ed una prescrizione di ritrovarsi sotto la porta di casa i loro aguzzini.

Ci sono magistrati coraggiosi che puntualmente, ogni qual volta cercano di indagare sui legami perversi tra parti della politica colluse con ambienti del malaffare, della massoneria ed organizzazioni di tipo mafioso, vengono immediatamente isolati e messi alla berlina.
E sono proprio questi magistrati i primi a rischiare di subire gli effetti collaterali di questa Riforma, così per come è stata proposta.

E’ noto sin dai tempi della Rivoluzione francese che una vera Repubblica democratica debba basarsi sulla separazione dei tre poteri dello Stato: legislativo, esecutivo e giudiziario. Ed è altrettanto noto come sia necessario mantenere l’autonomia dei giudici ai fini dello svolgimento di un giusto processo. Con tutto ciò che ci sarebbe da cambiare nel sistema processuale italiano, fin troppo garantista e dalla procedura eccessivamente lenta e burocraticizzata, pensare solo di introdurre un sistema che estenda la responsabilità dei magistrati e li renda meno indipendenti è un evidente riforma tesa a peggiorare lo stato di fatto, non a migliorarlo.

Per questi ed altri motivi vogliamo ancora sperare in un ultimo ripensamento, che restituisca soprattutto al Sud un po’ di fiducia della Politica. Chiediamo, per tanto, che almeno per una volta si pensasse davvero al Bene dell’Italia e, in maniera bi-partisan, si prendesse ancora tempo per migliorare questa proposta di riforma attualmente al vaglio del Senato della Repubblica.

Al tempo stesso non possiamo non constatare come anche questa importante Riforma sia diventata motivo di contesa partitica tra forze di maggioranza e minoranza. Non è con l’arma del ricatto, né tanto meno con i tentativi speculativi di destabilizzazione politica della maggioranza di Governo e con atteggiamenti di incitamento all’odio ed alla rissa, che si risolvono i problemi del Paese.

Ci appelliamo perciò al Governo ed ai Parlamentari tutti, al loro senso delle Istituzioni, chiedendo di voler riflettere ancora attentamente e valutare altre proposte di emendamento che tengano conto di queste modestissime istanze da noi avanzate.

Chiediamo, davvero con il cuore in mano ed in nome di tutto il sangue versato, che non vengano fatti passi affrettati.

Locri (Rc), 13 luglio 2007

Il Movimento “E adesso ammazzateci tutti”
http://www.ammazzatecitutti.org/
 

PER SOTTOSCRIVERE ANCHE TU LA PETIZIONE CLICCA QUI!





Trascrizione dell’intervista di Antonella Grippo a Luigi De Magistris (dicembre 2006)

14 07 2007

Luigi De MagistrisQui di seguito trascriviamo il testo integrale dei primi 60′ dell’intervista esclusiva rilasciata nel dicembre scorso dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Luigi De Magistris. L’unica che si conosca. Gli ultimi minuti sono stati omessi perché di carattere più intimistico e personale. Ma possono tuttavia essere riascoltati nella riproposizione che ne farà Telitalia. Vi sono molti spunti di riflessione che la trascrizione rende più evidenti, poiché lo scritto consente una maggiore attenzione, permette di ritornare sui passaggi più interessanti. Nel panorama dei media locali certamente Antonella Grippo si distingue per l’originalità dell’approccio, per le provocazioni di cui è capace, per l’estrosità dell’approccio che la porta spesso fuori dagli schemi patinati di una comunicazione appiattiti sul format dominante del “Grande Fratello”, capace di ottundere anche le intelligenze più raffinate per inseguire il mito di Costantino “il Piccolo”, forte solo della sua vanesia. Il magistrato si è sottoposto ad un fuoco incrociato di domande, ha sopportato pazientemente le provocazioni ed ha tentato di dare un senso alle sue numerose inchieste.
 Luigi De Magistris, giovane, bello e tenebroso, dotato del fascino di un potere misconosciuto è il candidato ideale per Leggi il seguito di questo post »