Censurati.it e Ammazzatecitutti.org. Gli sfigati e gli illusi

29 01 2007

di Antonella Serafini

Il comunicato che segue è una lettera aperta al movimento “ammazzateci tutti”, nato dai ragazzi di Locri dopo l’assassinio di Fortugno.

www.censurati.itCari Ragazzi, vi hanno mai detto che siete solo dei poveri pazzi?
Ve lo diciamo noi!. Avete pensato di provocare con la scritta “e adesso ammazzateci tutti”. Come avete potuto pensare che gli uomini di parola che governano la vostra regione non raccogliessero l’appello? Dopo la morte morale decretata da Giuseppe Bova nei confronti di Aldo Pecora, piano piano tocca a tutti quanti. Questo è il messaggio che è arrivato alla gente. Cosa pensavate di fare?
Esisteva una legge sulla trasparenza, è vero, che imponeva alle pubbliche amministrazioni di far vedere i bilanci di enti pubblici, di comuni, province e regioni, ma siccome voi siete fessi e loro no, hanno creato (tra il massimo silenzio generale di TUTTI gli organi di stampa che tra una cosa e l’altra scioperano altrimenti non possono fare informazione) una leggina ad hoc, che in nome della privacy non dice più a chi vanno gli appalti, quanti soldi pubblici vengono regalati agli amici, come vengono spesi. Mica sono fessi come voi, i politicanti.
Siete fessi anche perchè pensavate che nessuno si sarebbe mai potuto infiltrare nel vostro movimento. E invece loro che sono più furbi di voi hanno creato una cellula che si è poi distaccata, chiamata “forum Fo.Re.Ver.”, fatta di bravi ragazzi, obbedienti, mica teste di cazzo come voi!
Filogovernativi quanto basta, che fanno le sfilate e le parate a vostro nome e sulla vostra rendita, ma, cosa più importante, sovvenzionati dal partito. E mica come voi, che volete fare antimafia così, senza nessun partito dietro che fa propaganda elettorale a vostro nome.
Siete stati dei fessi per aver raccontato i fatti vostri a Michele Cocuzza, che ha fatto un libro con il vostro materiale, il cui ricavato va alla cellula dei bravi e obbedienti ragazzi del partito dei DS.
Mica agli sfigati che a loro spese fanno l’impossibile per denunciare problemi di collusione tra malavita organizzata e politica.
Siete fessi perchè pensavate di uscire impuniti per aver pensato di fare antimafia. A Locri.
Avete preteso di sapere che fine facevano i soldi pubblici.
E invece Bova ha querelato il vostro portavoce, Aldo Pecora, un ragazzo di venti anni, uno studente. Preso a simbolo di tutti voi.
Siete fessi perchè credevate che la giustizia indagasse sui dubbi che avete sollevato, ma lo sapete bene come funziona la giustizia, quando c’è di mezzo la politica, no?

Siete stati pazzi per aver voluto una Calabria pulita. Ma, dico io…, come vi siete permessi?
Speravate in una rivoluzione dal basso! Che pensavate, che il popolo ha dei diritti?
Ragazzi, siamo in Italia, a volte sembra che ve lo siete scordato.

Comunque, noi di censurati.it siamo noti per stare sempre dalla parte degli “sfigati”, perciò con orgoglio possiamo anche gridare “Giu’ le mani da Aldo Pecora”, oppure “finitela con le intimidazioni a mezzo stampa”. Altrimenti… altrimenti niente. Però ci rimaniamo male.
Sarebbe un peccato se succedesse qualcosa alle uniche persone che stanno tentando di ripulire la Calabria dalla fogna in cui si è impelagata. Anche perchè la mafia, la corruzione, i ricatti di partito, non sono problemi della calabria. Sono problemi di tutti, in tutti i paesi, in tutto il Paese.

Un abbraccio quindi ai ragazzi di “ammazzateci tutti”.

Antonella Serafini

Annunci

Azioni

Information

5 responses

29 01 2007
Speranzino

Bisogna farsi SENTIRE e denunciare.
Fare sapere l’usurpazione di chi ha ricevuto la Melandri spacciandosi per “i ragazzi di Locri”.
Dire a “Cominciamo bene” chi sono i “ragazzi di Locri.
Chiedere perchè è sparita la Relazione sull’ASL di Locri.
Con simpatia

29 01 2007
Daniele Quartuccio

😉

29 01 2007
Daniele Quartuccio

proprio xke sostenete gli sfigati, vi aspettiamo il 17 febbraio a reggio calabria!!!

4 02 2007
maddalena romeo

E’ vero, il vostro coraggio fa tenerezza e paura. Paura che vi succeda qualcosa visto con chi volete combattere. Ma c’è sempre qualcuno che deve lanciare con convinzione il primo sasso per smuovere le coscienze intorpidite da troppi anni di paura . Questo melmoso stagno sta già allargando i cerchi del vostro sasso coraggioso. Bravi, forza e coraggio per i vostri figli, se non per voi.
Sono nata in Calabria ma cresciuta al nord proprio perchè i genitori “emigrarono” per poter lavorare onestamente e nella legalità.
Sono ormai anziana e lontana, purtroppo, per partecipare al vostro convegno. In bocca al lupo

5 02 2007
antonella serafini

caro daniele, proprio per questo, ci saremo

un abbraccio solidale
antonella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: